Buyer persona: profilo semirealistico del cliente ideale

da | Ago 7, 2023 | Digital strategy tips

Che cos’è la buyer persona?

Una “buyer persona” è un profilo semirealistico di un cliente ideale di un’azienda, creato per aiutare i team di marketing a comprendere meglio i loro clienti (attuali e potenziali). Questo profilo non rappresenta un individuo reale, ma piuttosto un insieme di caratteristiche, comportamenti e motivazioni comuni a un segmento di clienti.

A cosa serve la buyer persona?

Creare buyer persona accurate può aiutare un’azienda a:

      • personalizzare il suo marketing per diverse categorie di clienti
      • a sviluppare prodotti e servizi che rispondano meglio alle esigenze dei clienti
      • in generale a prendere decisioni più informate e orientate al cliente. 

Ricordati, tuttavia, che una buyer persona è uno strumento, non una garanzia di successo, e deve essere utilizzata insieme ad altre tecniche e strategie di marketing ideate da figure professionali come il Digital Strategy.

Come trovare le buyer persona?

La validazione è un processo che si svolge dopo aver sviluppato le tue buyer persona. Questa validazione serve per assicurarti che le tue buyer persona siano accurate e riflettano effettivamente i tuoi clienti attuali o clienti potenziali.

Ecco come si svolge il processo di validazione:

      1. Raccolta dei dati: prima di tutto, dovrai raccogliere dati dai tuoi clienti attuali e potenziali. Questi dati possono provenire da interviste, sondaggi (utilizzando tool come Google Moduli), analisi dei dati dei clienti, feedback dei venditori, e così via. Dovrai cercare di capire non solo chi sono i tuoi clienti, ma anche perché comprano i tuoi prodotti, quali problemi risolvono con i tuoi prodotti, come prendono le decisioni di acquisto, ecc.
      2. Creazione delle buyer persona: una volta raccolti i dati, dovrai creare le tue buyer persona. Queste dovrebbero essere rappresentazioni dettagliate dei tuoi clienti ideali, basate sui dati che hai raccolto. Creare quindi un template della buyer persona sulla base di: dati demografici, dati anagrafici (età, sesso, professione, percorso di studi, nazionalità), caratteristiche comportamentali (dove e come si informa, quali canali di contatto predilige, su quali social è attiva, livello di digitalizzazione), obiettivi e sfide personali e professionali, contesto aziendale all’interno del quale opera. Ci sono anche altri dati che possono essere utili, come le abitudini di acquisto ei metodi di pagamento

Questa immagine mostra 16 tazze bianche disposte in una griglia su uno sfondo rosa. Ogni tazza ha una sagoma nera di una persona su di essa, ad eccezione di una tazza che ha una sagoma verde. Le tazze sono disposte in modo che la sagoma verde sia al centro e le sagome nere la circondino. Le tazze sono tutte della stessa dimensione e forma. Lo sfondo è di colore rosa pieno. Questa immagine è stata utilizzata in un articolo sulle buyer persona.

 

Per creare una buyer persona efficace, devi raccogliere il maggior numero possibile di informazioni sui tuoi clienti ideali. Questo ti aiuterà a capire le loro esigenze, le loro sfide e il loro obiettivi.

Dopo averle create, dovrai validarle. Questo significa confrontarle con i tuoi clienti attuali e vedere se corrispondono. Se non corrispondono ai tuoi clienti attuali, dovrai rivederle e aggiustarle di conseguenza.

La validazione non è un processo una tantum. Dovrai continuare a raccogliere dati, aggiornare le tue buyer persona e validarle nuovamente. Questo ti permetterà di rimanere al passo con eventuali cambiamenti nei comportamenti di acquisto dei tuoi clienti.

Una volta validate, dovrebbero essere usate per guidare le tue strategie di marketing e vendita. Dovrebbero aiutarti a capire a chi stai cercando di vendere, cosa vogliono questi clienti, come prendono le decisioni di acquisto, ecc.

Esistono vari strumenti e metodi che possono aiutarti in questo processo:

      • Interviste ai clienti: uno dei modi più efficaci per validare le tue buyer persona è parlare direttamente con i tuoi clienti. Puoi farlo attraverso interviste one-to-one, focus group o survey. Cerca di capire se le caratteristiche, i comportamenti e le motivazioni della tua buyer persona corrispondono a quelli dei tuoi clienti reali.
      • Analisi dei dati dei clienti: se disponi di una quantità significativa di dati sui tuoi clienti, puoi utilizzare tool per l’analisi dei dati per convalidare le tue buyer persona. Ad esempio, potresti utilizzare Google Analytics per capire meglio il comportamento dei visitatori sul tuo sito web, o un CRM per analizzare le interazioni con i tuoi clienti.
      • Feedback dal team di vendita: il tuo team di vendita interagisce direttamente con i clienti e potenziali clienti, quindi è una fonte preziosa di informazioni. Chiedi loro se le tue buyer persona corrispondono ai tipi di clienti con cui parlano regolarmente.
      • Test A/B: se le tue buyer persona influenzano la tua strategia di marketing, potresti considerare di fare dei test A/B per vedere quale persona risponde meglio a diverse tipologie di contenuto, offerte, ecc. Questo può aiutarti a raffinare ulteriormente le tue buyer persona.
      • Tool di social media listening: gli strumenti di social listening possono aiutarti a capire cosa dicono i tuoi clienti e potenziali clienti sui social media. Questo può darti un’idea di come vedono il tuo brand, i tuoi prodotti o i tuoi servizi, e può aiutarti a validare o affinare le tue buyer persona.

Perché è importante definire il consumatore ideale?

Le buyer persona sono un elemento fondamentale nella pianificazione di una strategia digitale per diverse ragioni:

      • Focalizzazione: Creare buyer persona aiuta a focalizzare le tue risorse sulla creazione di contenuti e strategie che si adattano specificamente al tuo pubblico target. Questo ti permette di utilizzare in modo più efficace il tuo tempo e il tuo budget.
      • Personalizzazione del contenuto: Conoscere le tue buyer persona ti permette di personalizzare il contenuto in base ai loro bisogni, interessi, comportamenti e sfide. Questo può migliorare l’engagement del pubblico, aumentare la conversione e creare un rapporto più forte con i tuoi clienti.
      • Segmentazione efficace: Le buyer persona ti aiutano a segmentare il tuo pubblico in modo più accurato. Ciò può migliorare l’efficacia delle tue campagne di marketing, permettendoti di inviare il messaggio giusto alla persona giusta al momento giusto.
      • Sviluppo del prodotto: Le informazioni raccolte durante la creazione possono aiutarti a capire meglio cosa cercano i tuoi clienti in un prodotto o servizio, aiutandoti a sviluppare offerte che soddisfano le loro esigenze.
      • Customer journey: Le buyer persona possono aiutarti a comprendere meglio il percorso che i tuoi clienti compiono da quando scoprono il tuo brand fino a quando effettuano un acquisto (e oltre). Questo può aiutarti a identificare e affrontare eventuali ostacoli che impediscono alle persone di diventare clienti.
      • Strategia dei canali: Conoscendo le preferenze e i comportamenti dei tuoi consumatori ideali, puoi scegliere i canali di marketing più efficaci per raggiungerle, sia che si tratti di social media, email marketing, SEO, pubblicità online, ecc.
      • Misurazione e ottimizzazione: Una volta che hai una chiara comprensione delle tue buyer persona, è più facile stabilire KPI rilevanti e misurare l’efficacia delle tue strategie di marketing digitale. Puoi quindi fare aggiustamenti per migliorare le tue performance.

In sostanza, le buyer persona aiutano a rendere le tue strategie di marketing più mirate, personalizzate ed efficaci, aumentando le possibilità di successo delle tue iniziative di marketing digitale.

 

Desiree Bonaldo chi sono

Ciao sono Desiree, consulente e formatrice

Categorie

Potrebbe interessarti anche…

Il Lean Thinking: Una Guida Completa

Il Lean Thinking: Una Guida Completa

Origini e Significato del Lean Thinking I 5 Principi del Lean Thinking Benefici del Lean Thinking Come Implementare il Lean Thinking Fattori Chiave per l'Implementazione del Lean Thinking Ma è questo approccio adatto a ogni contesto aziendale?   Il Lean Thinking...